Point of View

Convention BNL BNP Paribas 2020

03/03/2020

Paolo Cecconello

RESPONSABILE COMMERCIALE
LIFE BANKER BNL - BNP PARIBAS

Gli obiettivi commerciali 2020 presentati durante la convention solo apparentemente parlano di numeri; in realtà sono la rappresentazione della nostra storia, del percorso che la nostra professione ha compiuto negli ultimi anni, della strada che abbiamo intrapreso per il futuro.

Nel passato l’acquisizione di nuovi clienti, di nuove masse e di raccolta gestita, pur rimanendo obiettivi di base, potevano rappresentare un traguardo sufficiente per definire un Promotore Finanziario di successo, ma da qualche anno non bastano più.

All’aspetto quantitativo è necessario aggiungere l’attenzione verso la qualità dell’offerta, della relazione con il cliente, del ruolo del professionista.

Il passaggio ormai consolidato dal Promotore al Consulente Finanziario non deve essere un mero mutamento di denominazione per considerarsi tale; è necessario che ci sia una vera attività consulenziale e un cambio di passo, è indispensabile che i clienti ci percepiscano come dei professionisti in grado di offrire un reale valore aggiunto ed essere nelle condizioni di riconoscere, quindi, una valenza economica alla relazione.

Il passaggio dalla vendita di prodotto all’offrire un servizio deve partire proprio dai bisogni e dalle esigenze del cliente, è il passaggio dal fidarsi all’affidarsi da parte di un cliente sempre più evoluto e attento alla ricerca di un vero Consulente Patrimoniale, di un vero Life Banker.

Perché ciò che per il mercato è il futuro, l’ambizione a cui tendere, per il nostro modello integrato con la banca e il gruppo BNP Paribas costituisce già l’oggi, la realtà rappresentata da una vera offerta a trecentosessanta gradi, completa, in grado di fornire risposte puntuali a tutte le esigenze “patrimoniali” della clientela, il tutto direttamente dal nostro consulente.

Per il 2020 abbiamo, dunque, l’obiettivo di continuare la nostra crescita soprattutto con attenzione agli aspetti qualitativi, all’evoluzione della professione, ma soprattutto attenzione ai bisogni del cliente per il quale dobbiamo avere l’ambizione di essere o diventare l’unico punto di riferimento.

Il Life Banker come un direttore d’orchestra, che ha a disposizione una grande squadra di musicisti e tanti strumenti e che può decidere di volta in volta quali utilizzare, a seconda del risultato armonico che vuole raggiungere, riuscendo sempre a produrre della musica eccellente.

Condividi su